Chirurgia della colonna vertebrale

Cos’è la chirurgia della colonna vertebrale?

La chirurgia della colonna vertebrale si occupa di diverse patologie della schiena. Sono interessati la struttura ossea della colonna vertebrale e i percorsi neurali nel midollo spinale.

Quali pazienti si rivolgono a un chirurgo della colonna vertebrale?

I pazienti della chirurgia della colonna vertebrale soffrono di malformazioni congenite o patologie della schiena insorte nel corso degli anni. Malattie infiammatorie come i reumatismi o anche i tumori danneggiano la colonna vertebrale. Processi degenerativi come l’artrosi alle articolazioni vertebrali o l’indebolimento del disco intervertebrale dovuto all’età sono responsabili di dolori alla schiena. Con l'avanzare dell’età sopravvengono ulteriori problemi (per esempio fratture ossee), dovuti al deterioramento delle ossa (osteoporosi). Se sono colpite le strutture ossee della schiena, vengono curate anch’esse. Si possono incontrare anche una deviazione (scoliosi) della colonna vertebrale o un’ernia del disco.

Quali sono i sintomi dei pazienti con problemi alla schiena?

Solitamente il mal di schiena interessa la colonna vertebrale lombare. Anche i dolori al collo (colonna cervicale) rendono necessaria una visita presso un chirurgo della colonna vertebrale. In presenza di mal di schiena forte e accentuato, gli arti superiori e inferiori possono essere interessati da formicolio, debolezza muscolare o perfino paralisi.

Quali sono i trattamenti disponibili nella chirurgia della colonna vertebrale?

Lo spettro dei trattamenti è ampio. I quadri clinici della colonna vertebrale trattati più frequentemente sono i seguenti:

  • Ernia del disco (prolasso discale)
  • Scoliosi
  • Scivolamento di una vertebra sull’altra
  • Stenosi spinale (restringimento del canale vertebrale)

Le tecniche chirurgiche impiegate per la schiena sono le seguenti:

  1. Microchirurgia: durante l’intervento un microscopio ingrandisce i dettagli del corpo.
  2. Chirurgia mininvasiva: introduzione degli strumenti attraverso piccoli tagli nella pelle.
  3. Intervento a cielo aperto alla schiena: in caso di interventi più complessi la colonna vertebrale viene liberata attraverso una grande incisione nella pelle.
    Rischi: poiché è necessaria un’anestesia generale, la circolazione può risentirne in misura significativa.
  4. Impiego di un disco artificiale: sostituzione del disco intervertebrale con una protesi.
  5. Irrigidimento vertebrale: la colonna vertebrale viene irrigidita in una sezione con placche di metallo e viti.

Rischi: rispetto a un intervento a cielo aperto, gli interventi di chirurgia mininvasiva creano solo piccole ferite. Il dolore post-operatorio è pertanto meno forte e le ferite guariscono più velocemente. Nel caso di trattamento chirurgico della colonna vertebrale possono essere lesi i nervi, le strutture ossee circostanti o gli organi in prossimità della zona interessata dall’intervento. Come per ogni intervento, i possibili rischi sono anche emorragie, problemi nella guarigione delle ferite o infezioni.

Anestesia: per gli interventi chirurgici alla schiena si raccomanda solitamente l’anestesia generale.

Preparazione al trattamento nella chirurgia della colonna vertebrale

I pazienti entrano in clinica il giorno precedente e per l’intervento devono essere a digiuno. Vengono effettuate le analisi del sangue e viene controllata la pressione. Viene interrotta l'assunzione di medicamenti fluidificanti.

Assistenza postoperatoria nella chirurgia della colonna vertebrale

Il decorso post-operatorio dipende dal tipo di intervento effettuato. I pazienti trascorrono i primi giorni in clinica. In breve tempo possono alzarsi per la prima volta. Dopo la degenza in ospedale i pazienti tornano a casa oppure vengono trasferiti in una clinica di riabilitazione. All’inizio il paziente si deve riposare. Se le ferite sono guarite, inizia la riabilitazione: l’obiettivo primario è il ritorno alla piena attività fisica.

Riabilitazione

Dopo un intervento chirurgico alla colonna vertebrale o al rachide, i pazienti e le pazienti possono soggiornare presso la Clinique Valmont per seguire un iter riabilitativo efficace. La clinica offre cure mediche e una gestione terapeutica di prim’ordine in un contesto straordinario, di fronte al Lago Lemano e alle Alpi.

I pazienti delle cliniche di Swiss Medical Network beneficiano di vantaggi esclusivi durante il loro soggiorno di riabilitazione presso la Clinique Valmont.

La clinica è partner del gruppo di assicurazioni integrative svizzere.

Perché scegliere la chirurgia della colonna vertebrale presso Swiss Medical Network?

Presso Swiss Medical Network, la stretta collaborazione interdisciplinare di tutte le specialità mediche e paramediche è cruciale e crea i migliori presupposti per una rapida e completa considerazione del disturbo del paziente e la relativa rimozione. Il corpo umano è al centro dell'attenzione e le tecniche operatorie all’avanguardia facilitano la gestione delle patologie della colonna vertebrale.

FAQ

Quando è necessario un intervento chirurgico alla colonna vertebrale?

Nella maggior parte dei casi il mal di schiena viene trattato senza intervento chirurgico. Normalmente sono utili la fisioterapia e la terapia del dolore. Se però insorgono disturbi della sensibilità o addirittura paralisi e la vescica non può più essere controllata, si è in presenza di un caso di emergenza ed è necessario un accertamento immediato dal medico o in clinica.

Come avviene un intervento chirurgico alla schiena?

Il metodo chirurgico viene scelto dal chirurgo in base al quadro clinico. Gli interventi minori vengono eseguiti con la chirurgia mininvasiva, le correzioni più importanti richiedono un intervento a cielo aperto.

Dopo un intervento alla schiena quanto rimane in clinica il paziente?

La durata della degenza in clinica dipende dal tipo di intervento e dal processo di guarigione del paziente. Nella maggior parte dei casi i pazienti restano in clinica fino a massimo cinque giorni, quindi possono tornare a casa o andare in una struttura di riabilitazione.

A cosa devo prestare attenzione dopo un intervento chirurgico alla colonna vertebrale?

Nelle prime settimane è bene evitare il sollevamento e trasporto di carichi pesanti. Con la fisioterapia si ricostruiscono i muscoli. La guarigione delle ferite richiede tempo. Dopo circa sei mesi la schiena può essere di nuovo caricata completamente.

Dopo un intervento chirurgico alla schiena il dolore scompare?

Un intervento chirurgico non garantisce una vita senza dolore. Il chirurgo valuta preventivamente se vale la pena intervenire chirurgicamente. L’intervento ha senso se sussiste la possibilità di un miglioramento dei sintomi.