Anestesiologia

L'anestesiologia è una specialità medica che consente ai pazienti di beneficiare di un intervento chirurgico o di procedure mediche invasive senza dolore e in totale sicurezza.

Anestesia generale

Consiste nel produrre un sonno artificiale profondo e nel sopprimere tutte le sensazioni dolorose mediante l'iniezione endovenosa e/o la respirazione di farmaci anestetici, sotto continuo controllo medico.

Quindi, il medico inietterà un farmaco che causerà la perdita di coscienza (ipnotico), un farmaco contro il dolore (potenti derivati della morfina) e, se necessario, un farmaco che permette il rilassamento muscolare (curaro).

Anestesia locoregionale

Questo permette di addormentare solo la parte del corpo operata, senza perdita di coscienza. Può essere utilizzato da solo per l'intervento chirurgico, in combinazione con un anestetico generale o esclusivamente per la gestione del dolore post-operatorio.

Il principio consiste nell'iniettare un anestetico locale di durata variabile in prossimità dei nervi, per impedire la trasmissione del segnale del dolore al cervello.

Esistono diversi tipi di anestesia locale:

  • Anestesia spinale (epidurale o spinale): iniettando un anestetico locale in prossimità del midollo spinale. Questa tecnica consente di addormentare la parte inferiore del corpo, ad esempio per un intervento ginecologico o urologico,
  • Blocco periferico: iniettando un anestetico locale in prossimità di un nervo o di un plesso nervoso. Questa tecnica consente di addormentare un solo arto per eseguire un intervento chirurgico su un arto, ad esempio per la chirurgia ortopedica.

Troviamo il metodo di anestesia più appropriato

La tecnica anestetica viene scelta dall'anestesista durante la consultazione anestetica preoperatoria. La scelta dell'anestesista si basa sulla procedura chirurgica, sulla valutazione del rischio del paziente e sui desideri del paziente stesso.

La procedura di anestesia è la seguente

Durante l'intervento, l'anestesista posizionerà delle apparecchiature per monitorare le funzioni vitali del paziente durante la procedura e posizionerà un catetere endovenoso per somministrare i farmaci attraverso la vena. In seguito, eseguirà la tecnica anestetica decisa in consultazione con il paziente.

Durante l'intera procedura, l'anestesista o un'infermiera anestesista resterà con il paziente per garantire che venga somministrata un'anestesia sufficiente per tutta la durata della procedura e che il paziente sia al sicuro.

Al termine dell'operazione, il medico sveglierà il paziente. Se è stato utilizzato un anestetico generale, il medico accompagnerà il paziente nella sala di rianimazione per il monitoraggio post-operatorio, dove il paziente rimarrà fino al suo completo risveglio.

La somministrazione di vari analgesici per il trattamento del dolore post-operatorio viene effettuata nella sala di sorveglianza post-intervento.

Solo quando il paziente si è completamente risvegliato, le funzioni vitali sono stabili e il dolore è ben gestito, l'anestesista permetterà al paziente di tornare nella sua stanza.

Rischi ed effetti collaterali

L'anestesia consente di eseguire interventi chirurgici in condizioni di massima sicurezza, ma non è completamente priva di rischi. I rischi dipenderanno principalmente dallo stato di salute generale del paziente, dall'età, dal grado di urgenza dell'intervento e dal tipo di anestesia. Attualmente, i rischi dell'anestesia sono diminuiti notevolmente e si stima che il numero di complicazioni gravi sia di uno su 100.000 pazienti.

Glieffetti collaterali sono di solito minori nei pazienti sani. Durante l'anestesia generale, i pazienti possono avvertire nausea e vomito al risveglio o nelle ore successive, ma nella maggior parte dei casi questi sintomi possono essere evitati con la somministrazione preventiva di farmaci anti-nausea. Durante l'intubazione, possono verificarsi danni dentali, ma fortunatamente questa sfortunata complicanza è rara (solo uno su 2000 pazienti).

I fattori di rischio sono un dente allentato e la difficoltà di inserire il tubo nella gola. Dopo l'intubazione, fino al 40% dei pazienti può manifestare mal di gola, che scomparirà spontaneamente nel giro di pochi giorni. Infine, durante la fase di recupero, i pazienti possono avere dei brividi, la cui causa principale è la diminuzione della temperatura corporea pre-operatoria, ma che può anche essere secondaria al dolore e allo stress. Pertanto, l'anestesista si assicurerà sempre che la perdita di calore durante la procedura sia ridotta al minimo. Si possono anche somministrare farmaci per fermare questi brividi. La maggior parte di questi effetti collaterali sono temporanei e scompaiono spontaneamente nel giro di poche ore.

Il rischio principale dell'anestesia locale, anche se raro, è il danno ai nervi sotto forma di alterazione della sensibilità o perdita di forza. Nella maggior parte dei casi, questi disturbi sono reversibili. Nel periodo post-operatorio possono verificarsi anche un calo della pressione sanguigna, mal di testa e difficoltà di minzione, che possono essere corretti con un trattamento adeguato.

Video

<p>Anestesia generale, locoregionale: tecniche utilizzate | Dr. Kis, Clinica Montchoisi</p>

Anestesia generale, locoregionale: tecniche utilizzate | Dr. Kis, Clinica Montchoisi

Doctors with this specialisation

Clinica Ars Medica

Dr. med. Massimo Barbieri

Specializzazione
Terapia del dolore, Anestesiologia
Clinica Ars Medica

Dr. med. Daniela Cristina

Specializzazione
Anestesiologia
Clinica Ars Medica

Dr. med. Gian Luca Sartori

Specializzazione
Anestesiologia
Clinica Ars Medica

Dr. med. Nicholas Bonello

Specializzazione
Anestesiologia
Clinica Ars Medica

Dr. med. Frédéric Lelais

Specializzazione
Anestesiologia
Clinica Ars Medica

Dr. med. Claudio Camponovo

Specializzazione
Anestesiologia